Ricostruzione unghie: metodi, trattamenti, tendenze

ricostruzione unghie

Avere delle mani curate rappresenta sicuramente un valido biglietto da visita per accentuare la propria bellezza e la propria femminilità e per sentirsi sempre ordinate nelle più disparate occasioni: in un evento speciale come in ambito lavorativo.

Il fenomeno della ricostruzione unghie mediante l’impiego di tecniche e metodi all’avanguardia è in grande crescita, proprio perché nelle donne si è diffusa sempre più la tendenza a presentarsi con mani e piedi curati non solo in specifiche occasioni, ma nella vita di tutti i giorni. Unghie gel e ricostruzione unghie, dunque, riescono a conferire valore e pregio alle mani, nonché eleganza, lucentezza e brillantezza.

Il metodo di ricostruzione delle unghie – che può riguardare sia mani che piedi -abbraccia una serie di fattori, tra i quali possiamo citare:

  • le preferenze estetiche e personali di chi intende sottoporsi al trattamento (trend del momento, particolari esigenze, colore da applicare, lunghezza, forma);
  • la conformazione naturale delle unghie;
  • il materiale prescelto per il trattamento.

Ricostruzione Unghie: metodo acrilico e gel

Chi possiede unghie fragili o rovinate a causa dell’onicofagia, cioè la tendenza a rosicchiare ed a stuzzicare il bordo libero delle unghie, chi semplicemente desidera apportare dei miglioramenti sotto il profilo estetico alle mani oppure ai piedi, può ricorrere ad una soluzione veloce e non invasiva: la ricostruzione.

Il metodo di ricostruzione unghie prevede nello specifico due tecniche:

  • il metodo acrilico, detto anche a due componenti, che prevede l’impiego di un gel sintetico mescolato ad un liquido;
  • il metodo di indurimento alla luce che prevede invece l’utilizzo di un gel che viene applicato sull’unghia a uno o più strati e che si indurisce con l’impiego di dispositivi a raggi UV o LED (lampade o catalizzatori specifici).

Metodo acrilico

Attraverso il metodo acrilico, le unghie vengono scolpite, acquistando una forma tutta nuova. E’ una tecnica molto complessa che si compone di una serie di passaggi che consentono di ricostruire alla perfezione unghie molto rovinate o danneggiate, ovvero quelle che si presentano molto piccole e ristrette a causa dei più disparati fattori (fragilità, onicofagia) e laddove il gel non può essere applicato direttamente sulla base. Tuttavia, questa tecnica di ricostruzione, pur donando alle unghie un aspetto molto naturale, ha lo svantaggio di essere poco “elastica” e “flessibile”, cioè è come se si avvertisse sull’unghia la presenza di un “corpo estraneo” e quindi potrebbe risultare difficile, per chi decidesse di sottoporsi a tale trattamento, ammortizzare gli urti delle normali attività quotidiane. Ovviamente questi piccoli inconvenienti possono essere facilmente “raggirati” scegliendo un allungamento appropriato al proprio stile di vita ed al proprio lavoro. Il metodo acrilico, infine, è la tecnica che meglio riesce a soddisfare le aspettative di chi ha le unghie molto corte e rovinate esteticamente.

Unghie Gel

Il gel, ovvero la seconda tecnica di ricostruzione unghie descritta, permette, come la prima, di donare alle unghie un aspetto molto curato ed elegante. Il gel si indurisce grazie ad una lampada UV oppure LED ed ha la caratteristica di poter essere modellato come meglio si preferisce fino a che non si otterrà il risultato desiderato.

La tecnica del fiberglass

Per chi possiede unghie già lunghe e curate e desidera apportare soltanto dei miglioramenti dal punto di vista estetico, può affidarsi alla tecnica della polvere di seta, o fiberglass. Attraverso uno speciale collante, un sottile foglio di seta oppure di lino, viene applicato all’unghia che acquisterà così nuovamente pregio e valore. E’ un metodo che non può adattarsi a unghie trascurate, danneggiate o molto rovinate, ma che invece si presta ad essere tra i più indicati in caso di unghie leggermente spezzate o in procinto di spezzarsi.

L’allungamento unghie con tips o sagome dette cartine

Metodo acrilico, gel e fiberglass riescono ad abbellire le unghie, conferendo loro lucentezza e brillantezza. Oltre a rinforzare, queste metodologie che rientrano nella ricostruzione unghie, servono anche ad allungare. L’allungamento può avvenire sia mediante l’impiego delle tips che di sagome specifiche, (chiamate più comunemente cartine).

Le tips sono unghie “artificiali”, cioè realizzate in materiale plastico. Si presentano in lunghezze differenti e vanno limate, modellate e scolpite a seconda dei gusti personali e delle esigenze. Hanno il pregio di resistere agli urti, ma lo svantaggio di essere poco elastiche. Nell’allungamento con cartine o sagome, invece, si fa uso di supporti in carta attraverso i quali realizzare la porzione di unghia desiderata. Tali supporti, uniti all’acrilico oppure al gel, posizionati sotto il margine libero dell’unghia, creano una base solida sulla quale poi posizionare anche il materiale per allungare. In assenza di margine libero, però, si deve ricorrere necessariamente all’allungamento con tips.

Durata del trattamento

Ricostruire attraverso le tecniche sopraelencate permette, dunque, di avere unghie da sogno, più solide e dall’aspetto più curato. La ricostruzione può fungere anche da incentivo a smettere di danneggiare le unghie attraverso comportamenti sbagliati, fra i quali figura l’onicofagia. Tali trattamenti durano, in genere, fino ad un mese. Trascorso questo tempo, può essere utile un refill, che consiste in un nuovo trattamento e in una nuova stesura del prodotto. Gli esperti consigliano di prestare attenzioni ai primer, cioè a quelle sostanze utilizzate per far aderire meglio il prodotto sull’unghia, che alla lunga, potrebbero provocare forte indebolimento.

Tendenze

A seconda dei gusti e delle preferenze, è possibile prediligere una manicure ad effetto nude, cioè basata su colori delicati, tenui e molto vicini al colore naturale delle unghie con il vantaggio, però, di esaltarle maggiormente; è possibile puntare su colori vivaci e brillanti o ancora, sull’effetto metallizzato oppure su decorazioni tridimensionali. Non mancano proposte dal finish opaco o decori strutturati a contrasto. Libertà massima per quanto riguarda la scelta del colore: si va dal mat a texture extra-lucide, brillanti e glitterate. Per quanto riguarda la forma delle unghie, invece, si va da quelle appuntite, dette anche a stiletto, a quelle bombate fino a quelle dalla forma più quadrangolare e squadrata.

04-01-17 | Commenti disabilitati su Ricostruzione unghie: metodi, trattamenti, tendenze comments | in Blog

Comments are closed.

Ricostruzione Unghie

Unghie Gel

Ricostruzione Unghie Gel

Ricostruzione Unghie Gel